I pesci da allevamento

I pesci che mangiamo quotidianamente e che troviamo nei banchi nei supermercati sono tendenzialmente provenienti da degli allevamenti ittici.

Se steste cercando delle forniture di alimenti a Chioggia, vi consiglio di andare a visitare il sito web di La Verace, e per farlo vi basta fare un rapido click sulle parole evidenziate, per andare a vedere le pagine e per trovare gli alimenti freschi e di qualità che state cercando.

Gli allevamenti ittici: che cosa sono

Con il termine di allevamento ittico facciamo riferimento a un tipo di attività commerciale di allevamento di pesci che sono destinati poi a essere consumati dagli esseri umani.

I pesci vengono quindi allevati dentro degli ambienti chiusi, come per esempio degli stagni, delle vasche o ancora delle gabbie, e si possono allevare oltre ai pesci anche crostacei e altri organismi acquatici.

Chi lavora in un allevamento ittico deve possedere conoscenze relative ai pesci, al tipo di alimentazione adatta e a come essi si sviluppano, riproducono e a quale sia il momento adatto per pescarli, inoltre devono saper identificare pesci malati e preservare la salute di tutti gli altri.

Quali tipi di allevamenti ittici esistono?

Possiamo distinguere due tipi di allevamenti ittici:

  • L’allevamento di pesci estensivo: si tratta di un allevamento a basso impatto ambientale, dove gli umani intervengono poco, se non per quanto riguarda la preparazione dei bacini in cui mettere i pesci e li lasciano crescere in maniera naturale
  • L’allevamento di pesci intensivo: l’intervento umano in questo caso di espande anche alla somministrazione di cibo, e anche di mangimi artificiali ai pesci, e si tratta di un allevamento ad alto impatto ambientale, in cui il pH dell’acqua, i livelli di ossigeno, la temperatura e la salinità dell’acqua vengono controllati

Quali pesci si trovano negli allevamenti?

I pesci che possiamo trovare sono: merluzzo, salmone, carpa, pesce gatto, orata, spigola, anguilla, trota, tonno, ricciola; e anche crostacei e molluschi