Mostra di presepi nei tralci di vite


MOSTRA DEI PRESEPI NEI TRALCI DI VITE A ROSIGNANO IL 17 E 18 DICEMBRE

Presso la chiesa di S. Antonio a cura del “Comitato Casale Monferrato capitale della DOC”

Per la terza volta il Comitato “Casale Monferrato capitale della DOC” aprirà al pubblico la Mostra della DOC, della civiltà e delle tradizioni contadine presso la chiesa di S. Antonio a Rosignano, dopo la sua inaugurazione ad opera del sindaco Cesare Chiesa, avvenuta lo scorso 2 ottobre nell’ambito della manifestazione “Vendemmia in arte”.
Sabato 17 dicembre nel pomeriggio dalle 15,30 alle 19.00 e domenica 18 dicembre nella mattinata dalle 10.00 alle 12.30 e nel pomeriggio dalle 15,30 alle 19.00 (ricordiamo che nello stesso pomeriggio a Rosignano con inizio alle ore 16.00 al teatro Ideal sarà in programma un’altra attrazione ovvero l’esibizione del sestetto vocale Lonelist in tema di “Musica dedicata alle festività natalizie” nella trazione europea ed americana) la chiesa di Sant’Antonio sarà quindi disponibile alla visita del pubblico che potrà quindi ritrovare la storia della DOC (pannelli, fotografie e documenti) insieme alle immagini della tradizione contadina a cura del Progetto MEMO di Massimo Biglia ed alle macchine ed attrezzature della vigna e della cantina a cura di Gianni Ganora: ma sarà proprio quest’ultimo componente del Comitato che, insieme a Francesco Salubro, presenteranno una novità assoluta ovvero una interessantissima e curiosa esposizione di Presepi nei tralci di vite (circa una ventina di opere). Si tratta di una nuova tecnica artigianale di creazione di paesaggi natalizi assolutamente recente (si parla di due o tre anni) che pregevolmente verranno presentati all’interno della grande storia e cultura del vino di qualità che, partendo dal Monferrato, tanti ed ingenti ritorni economici ha portato negli ultimi cinque decenni al nostro Paese.

Intanto il Comitato “Casale Monferrato capitale della DOC” con l’Accademia Le Muse e il Festival “Bacco e Bach” sta definendo un nutritissimo programma per il 2017, con iniziative e manifestazioni di livello nazionale a seguito di importanti collaborazioni organizzative ed operative con realtà molto significative di aree geografiche come l’Albese, l’Astigiano, il Nicese ed il Moncalvese.